Questo sito utilizza cookies per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookies | OK
Chi siamo | Contatti | Newsletter

X-RAID Dakar 2019: L'attesa è finalmente finita


 

L'attesa è finalmente finita

 

I piloti del X-raid MINI JCW Rally Team non vedono l'ora: in poche ore partirà finalmente il Rally Dakar 2019. Le macchine sono state controllate, i giornalisti hanno avuto molte opportunità per porre le loro domande e i partecipanti e i loro veicoli saranno presentati sul podio di partenza.
 
I preparativi a Lima sono iniziati giovedì, quando la squadra ha ritirato le cinque vetture MINI John Cooper Works Rally dal porto di Lima. Un giorno dopo, si sono dirtti verso le dune fuori dalla capitale peruviana per lo Shakedown. Ciò ha dato agli equipaggi l'opportunità di apportare le modifiche finali ai loro veicoli.
 
Sabato i preparativi tecnici finali: meccanici e ingegneri hanno dato a tutte e cinque le vetture un'ulteriore ispezione tecnica, al fine di garantire che siano all'altezza delle sfide che li attendono nei prossimi giorni. I piloti, invece, erano in modalità PR: al mattino, i piloti MINI JCW Rally hanno partecipato a una conferenza stampa insieme ai loro colleghi Buggy del team X-raid MINI JCW.

 

 

 


I controlli amministrativi e tecnici sono stati effettuati questa mattina. Gli equipaggi e tutti i membri del team devono presentare i vari documenti agli organizzatori, mentre i veicoli vengono controllati per assicurarsi che siano conformi alle norme tecniche. La troupe saluterà questo tardo pomeriggio i fan di Lima dal podio di partenza.
 
La tappa iniziale da Lima a Pisco prenderà il via domani mattina e Nani Roma non vedrà l'ora. "I giorni prima della partenza sono sempre un po' strani. A volte pensi che il tempo si sia semplicemente fermato. D'altra parte, hai così tanto da fare che i giorni sono finiti prima che tu te ne accorga. Tuttavia, anche questi giorni sono importanti: diamo il tocco finale ai veicoli e ci prepariamo mentalmente per l'inizio. Non vedo l'ora che arrivi la Dakar! "

Stesso pensiero anche per  Stéphane Peterhansel : "Per un pilota, i giorni che precedono la partenza sono solo in attesa di poter finalmente andare avanti. Certo, abbiamo molto da fare, ma siamo qui per lavorare sulle macchine da corsa. Domani l'attesa è finalmente finita. "

 

 

 

 

SS1: Buona partenza per la Dakar 2019, Secondo posto per Carlos Sainz, Peterhansel e Despres al settimo e decimo. Przygonski è soddisfatto del terzo posto

Carlos Sainz e Lucas Cruz (entrambi ESP) hanno concluso al primo posto al secondo posto nella MINI John Cooper Works Buggy, dietro Al-Attiyah nella sua Toyota. Stéphane Peterhansel e David Castera (entrambi FRA) hanno ottenuto il settimo miglior tempo, con Cyril Despres e Jean-Paul Cottret (entrambi FRA).

Come campioni in carica della Dakar, Sainz e Cruz hanno avuto l'onore di aprire la prima tappa, la cui partenza è stata ritardata di poco più di un'ora. Il motivo del ritardo era rappresentato dai problemi GPS nella categoria moto. Il duo spagnolo ha concluso la fase di apertura al secondo posto. "Oggi non abbiamo avuto grossi problemi", ha riferito Sainz al traguardo. "Sapevamo cosa ci aspettava. Inoltre, non volevamo aprire la tappa di domani, ecco perché oggi l'abbiamo presa con un po'di più calma".

Kuba Przygonski (POL) e Tom Colsoul (BEL) sono stati i più veloci della MINI John Cooper Works Rally, mentre Yazeed Al-Rajhi (KSA) e Timo Gottschalk (GER) giungono quinti. Joan Nani Roma e Alex Haro (entrambi ESP) hanno mancato di poco la top ten, tagliando il traguardo all'undicesimo posto, seguiti da Orlando Terranova e Bernardo Ronnie Graue (entrambi ARG). Boris Garafulic (CHI) e Filipe Palmeiro (POR) sono sedicesimi.

La giornata è iniziata con un trasferimento a Pisco, dove gli equipaggi hanno potuto godere di una breve pausa nel parco di assistenza X-raid, prima di partire per la speciale di 84 chilometri attorno al bivacco.

I campioni in carica della Coppa del Mondo Przygonski e Colsoul, partiti in ottima forma, hanno concluso la giornata di apertura al terzo posto. "Erano solo 80 chilometri, ma erano piuttosto veloci", ha detto il polacco. "con il sole dietro le nuvole non si vedeva se le dune si stavano alzando o abbassando, ma sono felice di essere vicino ai primi e di essere in grado di tenere il passo con le "leggende". Detto questo, la Dakar inizia davvero solo domani."

Al-Rajhi e Gottschalk hanno tagliato il trguardo due posizioni dietro a Przygonski. "Oggi non abbiamo corso rischi", ha spiegato il saudita. "Sfortunatamente abbiamo perso un sacco di tempo nella polvere di Harry Hunt e più tardi anche dietro un'altra macchina. Sono contento del quinto posto e il distacco dai leader non è troppo grande."

Anche Roma e Haro sono soddisfatti dell'undicesimo posto. "Il primo giorno è sempre un po'strano, specialmente quando c'è un ritardo" dice Roma "Oggi, ho avuto difficoltà a capire se ero veloce o lento. Tuttavia, abbiamo velocemente superato anche Loeb, che mi ha sorpreso un po'. Iniziare un po'più avanti domani non è una brutta cosa".

Anche Terranova e Graue sono saliti sul palco senza grossi problemi e hanno deciso di iniziare la Dakar senza fare pressioni su se stessi. "Abbiamo adottato un approccio costante", ha detto Terranova. "Devo effettuare una modifica alla posizione del sedile, ma sono felice e non vedo l'ora che arrivi domani."

Peterhansel e Castera hanno dovuto superare alcune difficoltà, ma sono comunque riusciti a terminare al 7° posto e assicurarsi il loro posto nella top ten. "Dopo così tante settimane senza gareggiare, mi serve un po' di tempo per trovare il mio ritmo all'inizio", ha detto Peterhansel. "Perciò non abbiamo spinto al massimo oggi. Inoltre, abbiamo avuto una foratura che ci ha rallentati. Abbiamo deciso di non cambiare la gomma e di portare piano piano a casa la macchina."

Il terzo equipaggio MINI JCW Buggy di Despres e Cottret ha chiuso il primo giorno al decimo posto. "Adoro questo rally e mi sento sempre particolarmente bene nel giorno dell'inaugurazione", ha dichiarato Despres soddisfatto. "Non abbiamo dovuto spingere al massimo oggi e mi è piaciuto molto il tracciato."

L'inizio della tappa speciale di 342 chilometri di domani ha un aspetto leggermente diverso: al posto delle motociclette, saranno le auto ad aprire la strada. Ciò renderà la navigazione molto più difficile, perchè i copiloti non potranno seguire le tracce lasciate dai motociclisti.

 

  

news by X-Raid.de

Photocredit MCH

Tutte le classifiche su www.dakar.com





Photo gallery

sponsor+


partner

 

CAMPIONATI

ARCHIVIO:

 2017 - 2018

    


Gianna Vardanega - Via Broch 5 33070 Brugnera (PN) policy/privacy - Cookies - P.IVA 01432960936
Testata giornalistica quotidiana registrata al Tribunale di Pordenone al nr. 41/2013