Questo sito utilizza cookies per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookies | OK
Chi siamo | Contatti | Newsletter

Baja Poland 2018

03/09/2018

 

BAJA POLAND 2018

 

 

Si è appena conclusa la terzultima prova del Campionato FIA Cross Country Rally in Polonia. In un campionato con 11 prove in dodici mesi la scelta su cosa fare per i piloti è davvero vasta; ma la Baja Poland, così come la Baja Spagna e l’Italian Baja sono senza dubbio delle tappe molto belle. La bellezza della Baja Poland sta nel tracciato di gara, molto lungo e molto vario, con fango, sabbia, piste dure e solchi lasciati dai carrarmati. Infatti la zona di Drawsko Promorskie è la sede della base militare più grande d’Europa e lo spazio per l’off road non manca assolutamente. Ecco quindi che a Stettino, quartier generale della competizione, si sono presentati ben 26 equipaggi iscritti al mondiale, più i campionati europei e polacchi, in totale 113 concorrenti nelle varie categorie (auto, moto, quad, camion, ssv).
Tra gli equipaggi iscritti non sono mancati i nomi più importanti come Martin Prokop con la Ford, Miroslav Zapletal sempre con Ford e le Mini del pluricampione locale Krzysztof Holowczyc e Przygonski. Dalla Russia Vladimir Vasyliev con la Toyota e dall’Italia un unico portacolori: Marco Piana con la sua squadra, per la prima volta a bordo di un Polaris RZR1000; Team che ha dominato le classifica conquistando l’intero podio. Infatti in categoria T3 la vittoria è stata di Josè Luis Peña e Rafal Tornabell, seguiti dai compagni di squadra Vincent Gonzalez e Stephane Duplet e terzo Marco Piana con Alexis Bourcet.

 

 

Naturalmente per quanto riguarda la classifica mondiale in categoria T2 la sfida aperta tra il pilota Qatarino Adel Abdullah (Nissan Patrol) ed il pilota Saudita Hamed Al Shegawi (Toyota L200) è proseguita tra le piste militari di Draswko senza un attimo di tregua.
La competizione ha proposto una lunghezza complessiva di 839km di cui 511km di prove speciali suddivisi in 7 tratti cronometrati tra venerdì, sabato e domenica. Prima le verifiche tecniche ed amministrative, poi un prologo di pochi km per stabilire l’ordine di partenza di sabato. La tappa più impegnativa senza dubbio, quella di Sabato ha visto un primo trasferimento di 110km nell’area di Drawsko, dove un anello di 222,8 km ha messo a dura prova tutti i concorrenti.

 

 

 

Il prologo ha visto l’apertura della battaglia tutta polacca tra due grandi campioni polacchi Holowczyc e Jakub Przygonski, il trentatrenne in testa al campionato di quest’anno, che si è guadagnato la pole anche per il sabato, distanziando la Ford di Prokop di un solo secondo!
Nella tappa di sabato, la più lunga della Baja Poland negli ultimi 10 anni, la sfida continua tra i due piloti locali è stata messa a dura prova dal russo Vasiliev, che ha rosicchiato secondi, ma nulla ha potuto contro le mini. Il vantaggio alla fine dei due lunghi giri è stato del giovane Przygonski che ha cercato di mantenere la promessa fatta in conferenza stampa, “stare sul gradino più alto del podio”.
Ma la domenica ha visto un terreno un po’ diverso, poca sabbia più piste ed erba e le cose sono leggermente cambiate sia ai vertici, si per quanto riguarda altre posizioni in classifica, infatti a sorpresa troviamo l’equipaggio cinese Lepilliez/Tao con il buggy Volkswagen mitjet in settima posizione nella classifica di giornata.
Anche in categoria T2 le classifiche sono state un continuo alternarsi tra i due piloti arabi di punta; una speciale a favore della Toyota Saudita una a favore del Nissan Qatarino che ha preso anche il primo gradino del podio polacco; ai fini del campionato mondiale nulla è cambiato, se non il paesaggio in cui la lotta - non militare ma a colpi di note del road-book e km – si è svolta; così il titolo definitivo verrà assegnato nelle ultime due prossime prove.
Le prove speciali di domenica si sono svolte attorno alla città di Stettino e Dobra, 4 in tutto per un totale di 40 km, che non hanno sortito grandi cambiamenti ai vertici, mentre sono stati fatali per alcuni concorrenti tra cui il polacco Sawicki Piotr che ha capottato proprio a 4 km dalla fine.
La vittoria dell’edizione 2018 è quindi andata al giovane Jakub Przygonski, una sorta di passaggio di testimone, da Holowczyc vincitore del Campionato Cross Country Rally nel 2013 al nuovo pilota, il trofeo 2018 tornerà in Polonia.
Tutte le classifiche dettagliate sono disponibili sul sito www.bajapoland.eu

 

Testo e foto www.motorsand4x4.com





Photo gallery

sponsor+


partner

 

CAMPIONATI

ARCHIVIO:

 2017 - 2018

  


Gianna Vardanega - Via Broch 5 33070 Brugnera (PN) policy/privacy - Cookies - P.IVA 01432960936
Testata giornalistica quotidiana registrata al Tribunale di Pordenone al nr. 41/2013